image-391

Catania Family Lab

info@cataniafamilylab.it

Vai a Facebook

Cercaci su Instagram

 

COLLEGAMENTI VELOCI


facebook
instagram

Il magazine delle famiglie


facebook
instagram
phone
messenger
whatsapp

Idee, news e informazioni utili

Il sonno del neonato e del bambino, dalla nascita ai primi anni di vita

15-03-2021 09:32

Dott.ssa Lucia Cristina Aletta, psicologa e psicoterapeuta clinica infantile Tavistock

Mondo genitori, Genitori 0-3, Genitori 3-8, Psicologa, sonno dei bambini, sonno , pavor nocturnus, incubi , terrore notturno , risvegli del neonato ,

Il sonno del neonato e del bambino, dalla nascita ai primi anni di vita

Il sonno dei bambini probabilmente è uno degli aspetti che può mettere in crisi due neogenitori. Cerchiamo di capire come funziona.

Il sonno dei bambini è uno degli aspetti che può mettere in crisi i neogenitori.
Capire come funziona potrebbe aiutare a gestire meglio la situazione.

sonnodeibambini-1615799942.png

I bambini, ma soprattutto i neonati dormono molto, perché proprio il sonno è fondamentale e necessario al loro sviluppo al pari del nutrimento.

 

È quindi importante rispettarne i ritmi e conoscerne le caratteristiche, per aiutare i nostri piccoli a gestirlo in maniera autonoma e soddisfacente.

 

Spesso si crede, erroneamente, che il sonno del bambino sia simile a quello dell’adulto. Il sonno, infatti, è un fenomeno complesso, che si evolve e si modifica durante la crescita.

 

Nei primi mesi di vita si trascorre circa il 70-80% del tempo dormendo: le ore di sonno per il neonato sono circa 15-20 ore al giorno, mentre ad un giovane adulto ne bastano 7-8 e 5-6 ore per gli anziani.

 

I neonati e i bambini, in generale, dormono di più perché il sonno influisce sulla loro crescita, in particolare favorendo lo sviluppo cerebrale soprattutto nella fase REM, ossia nella fase dove il sonno è più leggero ed è favorita l’attività celebrale che porta ad elaborare i sogni. 

 

Durante questa fase si consolida anche la memoria e tutto ciò che il piccolo apprende durante il giorno, viene stimolata la secrezione dell’ormone della crescita e si rafforza il sistema immunitario.

 

Cosi come a noi adulti capita spesso di svegliarci durante la notte tra un ciclo di sonno e l’altro anche ai neonati e ai bambini accade la stessa cosa, ma con maggior frequenza avendo cicli di sonno più brevi.

 

L’unica differenza tra adulti e neonati o bambini è data dal fatto che, i nostri piccoli, non sono abituati a riaddormentarsi da soli e quindi richiamano l’adulto per essere aiutati nel farlo.

 

Ci sono fasi della vita di un neonato o di un bambino fino ai 5 anni, in cui, questi risvegli e la richiesta di conforto da parte del genitore, aumentano verosimilmente.

In questo caso si parla di sleep regression, un fenomeno che si verifica nei seguenti momenti:

  • Aumento dell’autonomia (quando ad esempio il bambino inizia a gattonare o a camminare) e scatti nello sviluppo psicomotorio
  • Ansia da separazione (intorno ai 18-24 mesi)
  • Primi dentini
  • Inserimento al nido o all’asilo
  • Arrivo di fratellini o sorelline
  • Ripresa lavorativa della mamma
  • Tensioni familiari
  • Cambiamento di routine familiari

Perchè il bambino si sveglia spesso?

Molti genitori si chiedono da dove derivi la fatica ad addormentarsi nei bambini. 

L’insicurezza, la percezione o il timore di un pericolo bloccano il sonno, perché tutelare la sopravvivenza è il primo obiettivo della natura e in questo caso essere svegli e vigili fa la differenza.

Soprattutto per i bambini molto piccoli, tra gli 1 e i 3 anni, essere separati dalla mamma genera un’intrattenibile e intensa sensazione di ansia, determinata biologicamente e presente anche in altri animali, denominata ansia da separazione.

 

Addormentarsi significa anche separarsi dagli adulti e affrontare da soli qualcosa di sconosciuto: è un apprendimento che avviene gradualmente ed è favorito dal sostegno affettivo dei genitori.

Quando si regolarizza il sonno del neonato?

Possiamo comprendere quanto sia importante lasciar dormire il neonato per tutto il tempo che gli è necessario, cosicché impari a gestire autonomamente i propri ritmi.

 

Naturalmente, ci sono circostanze, in cui il piccolo deve essere svegliato, ad esempio se passano molte ore tra una poppata e l’altra, ma in ogni caso è importante che ciò avvenga possibilmente nelle fasi di sonno leggero, per evitare di irritarlo e innervosirlo.

 

Il sonno del bambino richiede tempo per autoregolarsi, quindi, cari genitori, accettiamo che nei primi mesi di vita possano svegliarci tante volte durante la notte e che di giorno e che non sempre vogliano dormire. 

Come possiamo favorire l'addormentamento?

routineperilsonnoserale-1615801275.png

Sicuramente i genitori possono fare la loro parte e aiutare il piccolo a regolarizzare il sonno.

 

Creiamo un rituale serale che lo accompagni alla nanna. Leggere o raccontare una favola ai bimbi più grandi, cantare una ninna nanna, accarezzare la schiena, la testa o la zona della fronte e del naso sono azioni che posso aiutare a fare rilassare e addormentare i bambini che nel contempo si sentiranno protetti e coccolati dalla mamma o da chi fa le sue veci non percependo il sonno come un momento di distacco o abbandono dalla figura di accudimento.

 

Non aspettiamo che sia esausto per metterlo a letto. Un bambino molto stanco è più irritabile e nervoso e quindi più difficile da far addormentare. È quindi preferibile evitare giochi troppo turbolenti o eccitanti nelle due ore che precedono il sonno.

 

Cerchiamo di metterli a nanna dove dovranno passare la notte. Spesso i bambini vengono fatti addormentare sul divano o nel lettone e poi spostati nel loro lettino, e questo può confonderli: svegliandosi di notte in un luogo diverso da quello in cui si sono addormentati, potrebbero sentirsi spaventati e spaesati, e tutto ciò renderà più difficile riaddormentarsi.

 

Non dimentichiamo che i problemi del sonno, a ogni età, ci dicono spesso che il bambino sta affrontando difficoltà durante il giorno. Osserviamolo nella quotidianità e trascorriamo del tempo con lui. Sarebbe utile prestate attenzione alle sue nuove conquiste e a come gestisce i momenti più difficili come le separazioni, i cambiamenti di routine o di ambiente, le nuove regole. Potrebbe aver bisogno di maggiore vicinanza e di ascolto; ad alcuni bambini, in particolari fasi della crescita, serve più aiuto che in altre. 

 

Intorno ai 3-4 anni può manifestarsi anche la paura del buio e di ciò che potrebbe accadere quando la luce verrà spenta. 

A questa età i bambini vivono in un mondo fantastico e immaginario che non sempre riescono a controllare. Potete proporre di trovare insieme qualcosa che gli stia accanto durante il sonno, oppure tenere un piccola luce accesa nella stanza che lo conforti. 

 

Gradualmente la sicurezza del bambino e il senso di controllo aumenteranno e, con l’acquisizione di una maggiore indipendenza, il piccolo comincerà a creare i propri rituali personali che lo faranno sentire protetto senza dover coinvolgere altre persone.

Può capitare che, malgrado i genitori ce la mettano tutta per comprendere e aiutare il proprio piccolo a dormire serenamente, a vincere o convivere con le proprie paure, questo non accade.

Sarebbe opportuno, allora, chiedere aiuto ad un professionista, uno psicologo infantile è la scelta decisamente più appropriata, e provare insieme ad esaminare e trovare la causa più profonda che impedisce al bimbo di riposare bene.

I disturbi del sonno nel bambino.

Quando parliamo di “disturbi del sonno” facciamo riferimento a condizioni che generalmente si verificano nei bambini dai 2 anni in su. Questi sono i pavor nocturnus (terrori notturni), che compaiono dopo i 2 anni possono manifestarsi fino a circa 6 anni, e i più comuni incubi.

 

I primi si presentano nelle prime ore del sonno e hanno una durata che varia da uno a 15 minuti: il bimbo appare agitato, spaventato, può parlare in modo confuso, piangere, e tutto ciò può essere accompagnato da tachicardia, sudorazione, dilatazione delle pupille, aumento del tono muscolare.

 

Gli incubi invece si associano notoriamente a sogni dal contenuto pauroso o angosciante e si presentano nelle ultime ore della notte, in corrispondenza del sonno REM. La sostanziale differenza tra i due è che, mentre del pavor nocturnus non viene ricordato il contenuto, l’incubo viene più facilmente richiamato alla memoria, forse proprio perché si presenta in una fase del sonno più leggera. 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder