image-391

Catania Family Lab

info@cataniafamilylab.it

Vai a Facebook

Cercaci su Instagram

 

COLLEGAMENTI VELOCI


facebook
instagram

Il magazine delle famiglie


facebook
instagram
phone
messenger
whatsapp

Idee, news e informazioni utili

Bonus baby sitter-centri estivi: guida alla richiesta

11-06-2020 12:12

Jula Gagliano

Family News, I professionisti, Commercialista, bonus famiglia,

Bonus baby sitter-centri estivi: guida alla richiesta

cataniafamilylab-bonus-babysitter-campiestivi-.jpg


Il bonus baby sitter - centri estivi è un contributo economico per le famiglie introdotto dal decreto Cura Italia e rifinanziato con il decreto Rilancio per un importo totale di €1.200,00 per nucleo familiare (no per ciascun figlio).


Chi può richiedere il bonus? 

Il bonus può essere richiesto dai


genitori di bambini di età non superiore a i 12 anni.

Il limite di età di 12 anni non si applica ai figli con disabilità in situazione di gravità accertata (ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 104), iscritti a scuole di ogni ordine e grado o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale.


Salvo quanto previsto per i


minori portatori di handicap grave

, in tutti gli altri casi il limite dei 12 anni di età non deve essere superato alla data del 5 marzo 2020.


Il bonus spetta fino a € 1.200 euro (in caso di prima istanza oppure € 600,00 in caso di seconda richiesta) a:


  • Dipendenti del settore privato
  • Iscritti in via esclusiva alla Gestione separata (art. 2, c. 26, l. 335/1995)
  • Autonomi iscritti all’INPS (Artigiani, Commercianti e Coltivatori diretti, coloni e mezzadri)
  • Autonomi iscritti alle casse professionali.

Spetta fino a € 2.000 euro, per:


  • medici
  • infermieri
  • tecnici di laboratorio biomedico, di radiologia medica
  • operatori sociosanitari
  • personale dei comparti sicurezza, difesa, soccorso pubblico.

Quali sono i requisiti per richiedere il bonus baby sitter - centri estivi?

Per poter richiedere il bonus, il genitore richiedente deve essere convivente con il figlio per il quale si chiede la prestazione.


L'altro genitore, invece:


  • Non deve essere beneficiario di altre forme di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa (ad esempio, NASPI, CIGO, indennità di mobilità,ecc.)
  • Non deve essere disoccupato o non lavoratore
  • Può essere in Smart Working (Lavoro Agile).

Inoltre


il bonus è alternativo ai concedi parentali.

La domanda si può inviare dal 1 aprile 2020, per servizi resi dal 5 marzo nei periodi di chiusura dei servizi scolastici.


Iscrizione ai centri estivi e servizi integrativi dell’infanzia

L’articolo 72 del decreto-legge n. 34/2020 ha introdotto la


possibilità di optare

, per una parte o per anche per tutto l’importo complessivamente spettante a titolo di bonus (al netto di quanto eventualmente già richiesto con la domanda di bonus baby-sitting COVID-19 per essere utilizzato mediante il Libretto Famiglia), per una somma che verrà accreditata direttamente al richiedente, in caso di comprovata


iscrizione ai centri estivi

, ai servizi integrativi per l’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia, per il periodo dalla chiusura dei servizi educativi scolastici al 31 luglio 2020.


La fruizione del bonus in commento è incompatibile con la fruizione, negli stessi periodi, del bonus asilo nido

di cui all’articolo 1, comma 355, della legge n. 232/2016, come modificato dall’articolo 1, comma 343, della legge 27 dicembre 2019, n. 160.


Documenti necessari per fruire del bonus centri estivi

Nel caso di opzione per la frequenza ai centri estivi e per servizi integrativi per l’infanzia, il genitore dovrà allegare alla domanda della prestazione la 


documentazione comprovante l’iscrizione ai suddetti centri e/o strutture che offrono servizi integrativi per l’infanzia

(ad esempio, ricevuta di iscrizione, fattura, altra documentazione che attesti l’iscrizione),


indicando anche i periodi di iscrizione del minore al centro o alla struttura

(minimo una settimana o multipli di settimana), che


non potranno andare oltre la data del 31 luglio 2020.

Inoltre, dovrà essere indicato anche l’


importo della spesa sostenuta o ancora da sostenere.

Nella procedura dovranno essere indicati la ragione sociale e la partita iva (o il codice fiscale) nonché il tipo di struttura che ospita il minore.


Il bonus per servizi di iscrizione ai centri estivi e servizi integrativi per l’infanzia è erogato mediante accredito su conto corrente bancario o postale, accredito su libretto postale, carta prepagata con IBAN o bonifico domiciliato presso le poste, secondo la scelta indicata all’atto della domanda dal richiedente. Si precisa che il titolare del conto associato all'IBAN, comunicato in domanda, dovrà corrispondere al soggetto beneficiario.


In fase di acquisizione della domanda se l’importo richiesto è eccedente i 1.000 euro e la modalità scelta è il bonifico domiciliato, la procedura non consente di proseguire. È necessario indicare, in tal caso, un IBAN oppure ridurre l’importo richiesto ed eventualmente fare un’altra nuova domanda.


Ecco un breve tutorial su come accedere sul sito INPS e fare richiesta:

  1. Andare sulla Home page del portale Inps
  2. Per inserire la domanda occorre autenticarsi inserendo Codice fiscale o in alternativa:
  • SPID
  • PIN dispositivo o CNS o Cie
  • PIN semplificato (primi 8 caratteri del PIN - Messaggio n. 1381 del 26/3/2020). In caso di invio domanda con PIN semplificato, per procedere alla definizione della domanda e all’appropriazione telematica del Bonus nel servizio Libretto-Famiglia, è necessario acquisire il PIN dispositivo.

Quali documenti servono per l’invio della domanda?

  • Dati anagrafici del genitore richiedente, del figlio e dell’altro genitore
  • L’indicazione dell’attività svolta dal genitore richiedente e dell’importo richiesto (multipli di 10 euro).
In caso di affido del minore

e in caso di


figlio disabile

vanno inseriti i relativi allegati (Provvedimento o sentenza di affido, Verbale sanitario ante 2010 o Sentenza che riconosce la disabilità).


L’


esito della domanda

è comunicato via sms/email/PEC con assegnazione del bonus richiesto tramite il servizio Prestazioni di lavoro occasionale - Libretto – Famiglia.


Per fruire del Bonus l’


utilizzatore

dovrà effettuare i seguenti passaggi del servizio online Libretto - Famiglia:


  1. registrazione del genitore come utilizzatore del Libretto famiglia e della persona incaricata come prestatore del servizio
  2. appropriazione del Bonus Baby sitter
  3. inserimento delle comunicazioni delle prestazioni lavorative svolte per l’attività di baby sitting.

L'importo della prestazione è di € 10,00 al lordo per ogni ora di lavoro effettuato e la prestazione va richiesta per le ore di lavoro già svolto.


Per i


centri estivi

invece, si dovranno inserire i documenti fiscali comprovanti l'iscrizione presso la struttura.


Il/la


baby sitter

dovrà registrarsi sempre sulla pagina Libretto famiglia ma nell'area 


prestatore

, inserendo oltre i dati anagrafici anche l'iban.


Al seguente


link

troverete la guida messa a disposizione sul sito inps con l'illustrazione dei vari passaggi.


Articolo scritto da:


Dott.ssa Agnese Campisi Consulente del Lavoro.LEGGI ANCHE: Agevolazioni fiscali per la famiglia per il 2020

 


Hai uno studio professionale o un'attività dedicata alle famiglie, ti piacerebbe essere segnalato nella sezione Village del nostro portale? Contattaci per saperne di più. 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder