image-391

Catania Family Lab

info@cataniafamilylab.it

Vai a Facebook

Cercaci su Instagram

 

COLLEGAMENTI VELOCI


facebook
instagram

Il magazine delle famiglie


facebook
instagram
phone
messenger
whatsapp

Idee, news e informazioni utili

Nati per leggere: un progetto che promuove la lettura in famiglia

03-12-2018 16:13

cataniafamilylab

Mondo genitori, Family News,

Nati per leggere: un progetto che promuove la lettura in famiglia

1511025363-0-trapani-settimana-nazionale-nati-leggere-incontri-biblioteca-diocesana-.jpg


Ami leggere a tuo figlio e hai una passione per la letteratura dei bambini?



Hai mai sentito parlare del progetto Nati per Leggere?



Nati per Leggere è un programma nazionale di promozione della lettura rivolto alle famiglie con bambini in età prescolare, promosso dall’Associazione Culturale Pediatri, dall’Associazione Italiana Biblioteche e dal CSB Centro per la Salute del Bambino Onlus.



Il programma è attivo su tutto il territorio nazionale con circa 800 progetti locali che coinvolgono più di 2000 comuni italiani. I progetti locali sono promossi da bibliotecari, pediatri, educatori, enti pubblici, associazioni culturali e di volontariato.



Dal 1999, Nati per Leggere ha l'obiettivo di promuovere la lettura in famiglia sin dalla nascita, perché leggere con una certa continuità ai bambini ha una positiva influenza sul loro sviluppo intellettivo, linguistico, emotivo e relazionale, con effetti significativi per tutta la vita adulta.


Oggi, ci parla di di questo progetto, una mamma,


Francesca Barcellona

,


volontaria catanese di Nati per per Leggere

, che ci spiegherà la sua passione per la letteratura dei bambini e come si è avvicinata a questo progetto.


whatsapp-image-2018-11-19-at-11-41-34-.jpeg

"Ancor prima di essere mamma ho sempre avuto un immagine nella mia mente: io sdraiata a letto con i miei bambini a leggere dei libri.


Ho sempre pensato che sia un ottimo modo per creare un bel momento intimo con i bambini, rilassato, in cui si ci si possa fermare davvero ed essere davvero concentrati con loro.


Per questo quando rimasi incinta, tra le prime cose che feci fu comprare un'edizione in rima di Cenerentola, edito "La coccinella".


La sera mio marito leggeva al pancione

. Quando Alice nacque non appena mio marito leggeva quelle rime lei si incantava. Era una cosa veramente fantastica per noi, al corso Nati per Leggere spiegano essere una cosa normalissima.


Il mio secondo pancione ascoltava storie molto più articolate, ogni sera leggevo per la grande, soprattutto libri divertenti, quindi avrà sentito molte risate!


Orientarsi nel mondo dell’editoria dell’infanzia non è affatto una cosa semplice, tra le varie stimolazioni commerciali, non è facile scegliere un buon libro per il tuo bambino, la maggior parte delle volte loro sono attratti dal personaggio televisivo in voga.


Per questo la prima cosa che ho fatto personalmente è stato cercare svariati gruppi sui social dove si consigliavano libri per bambini e così sono venuta a conoscenza di “Nati per Leggere” e del suo programma fantastico. Ci sono voluti  parecchi anni prima che il programma fosse proposto in Sicilia, ma alla fine l’anno scorso (Novembre 2017) ho finalmente partecipato al corso come volontaria.


Inutile dire quanto sia stato utile, illuminante ed entusiasmante per me che della letteratura per l’infanzia mi sono perdutamente innamorata.


whatsapp-image-2018-11-19-at-11-42-45-1024x756-.jpeg

Di seguito racconterò brevemente cosa comunica il programma


Nati per Leggere

i benefici e l’importanza della lettura, tenendo conto che io sono solo una volontaria, quindi mi occupo più di letture ad alta voce, o meglio di letture a “bassa voce”, mi perdonerete perciò le mancanze o se erroneamente dimenticassi qualche punto.


( Dal volume fornito al corso di formazione Nati per Leggere “LA LETTURA IN FAMIGLIA" una buona pratica per lo sviluppo per il bambino).

Da vari studi sappiamo che la rete neurale dei bambini si forma nel periodo fetale e nei primi due anni di età. Quindi lo sviluppo del cervello dei bambini dipende da diversi fattori:


  • dall’eredità genetica
  • da un buon andamento della gravidanza e del parto
  • dall’ambiente in cui i bambini vivono
  • dalla capacità che viene data loro di imparare e di fare esperienza.
(Dal volume fornito al corso di formazione Nati per Leggere “LA LETTURA IN FAMIGLIA" una buona pratica per lo sviluppo per il bambino).

Quindi si capisce il ruolo fondamentale che la famiglia, oltre l’ambiente circostante, rivestono per il futuro dei bambini.


Inoltre, numerosi studi hanno dimostrato che bambini che partono con dato quoziente intellettivo, a cui viene letto loro e che vengono amorevolmente accuditi e stimolati,  non potranno che far accrescere questo quoziente intellettivo.


Al contrario, bambini a cui non viene letto, non vengono stimolati o che vengono cresciuti in modo poco amorevole, il quoziente intellettivo non potrà fare altro che impoverirsi.


Il ruolo della famiglia

, come dicevamo,


è fondamentale

, ma viene da chiedersi quali sono le buone pratiche per garantire una buona relazione tra genitore e bambino, sicuramente queste buone pratiche sono:


  • il gioco
  • la lettura
  • il massaggio
  • l’esperienza musicale
(Dal volume fornito al corso di formazione Nati per Leggere “LA LETTURA IN FAMIGLIA" una buona pratica per lo sviluppo per il bambino).

In altre parole,


i benefici della lettura sono molteplici:
  • una migliorata e più veloce proprietà di linguaggio
  • un migliore sviluppo cognitivo.

Un altro aspetto fondamentale è il


livello emotivo

, il bambino da piccolo comincia ad identificare le varie emozioni e saprà dare loro un nome e quindi fronteggiarle e leggerle negli altri.


Un ultimo aspetto che secondo me è il più importante è


il momento condiviso in famiglia che arricchisce i rapporti

, le intensifica, fa sviluppare un lessico condiviso, il bambino si sente sicuro di sé, dell'amore incondizionato dei genitori. Insomma leggere ai nostri figli produrrà solo effetti positivi.


Quando leggere in casa?

Nati per leggere consiglia di leggere 10 minuti almeno 4 volte a settimana. 

Partendo dal presupposto che ogni momento è buono per leggere.


Il classico momento della lettura è


la sera prima di andare a dormire 

o al


mattino appena svegli.

 Appena si rientra a casa dopo la scuola o un uscita con amici. Si può leggere dopo i pasti o prima del sonnellino. Quando la lettura sarà consolidata in famiglia si leggerà a richiesta.


Come leggere in casa?

Non esiste una buona ricetta per leggere meglio al tuo bambino

, sicuramente la cosa importante è trovare il tempo per farlo, poi bisogna mettersi in ascolto a lui.


Per esempio, se il bambino mentre leggi ti accorgi che si sta annoiando bisogna cambiare il ritmo, magari leggendo più velocemente. Se vi ferma continuamente, non è una cosa negativa, magari è curioso delle immagini, vuole esplorare il libro, o magari la storia lo sta spaventando.


Mano a mano che si leggerà si aprirà una porta in cui nel vostro momento speciale potrete divertirvi, incuriosirvi, commuovervi, stupirvi, emozionarvi insieme. Bisogna acquisire dimestichezza  con la lettura fino a quando non si riuscirà a  rilassarsi e a giocare con la voce e con il corpo.


Ognuno avrà il proprio stile nel leggere, leggerà con partecipazione e finirà con l’entrare nella storia, magari creando le voci dei personaggi e usare la mimica può essere un ottimo modo per coinvolgere e far divertire i bambini.


Si possono raccontare anche le immagini non usando solo la storia. Indicando le figure si possono costruire nuove storie, o raccontare le sensazioni che suscitano. La


lettura deve diventare un piacere

, uno stimolo, un modo per conoscere e capire il mondo


Come riconoscere un libro di qualità?

nati-per-leggre-.jpg

(Dal volume fornito al corso di formazione Nati per Leggere “LA LETTURA IN FAMIGLIA" una buona pratica per lo sviluppo per il bambino).Un libro di qualità deve avere una particolare magia tra  le immagini e il testo, deve essere ben rilegato, con una carta piacevole da toccare.

Sicuramente un buon modo per imparare a conoscere i libri di buona qualità, si instaura andando in


biblioteca

. Dove  il tempo un po' si ferma, ti senti libero di sfogliare le pagine e cominciare a leggere.


Noi genitori dobbiamo amare ciò che leggiamo loro, altrimenti i bambini avvertono il nostro disagio o noia, e finisce la magia. Tutti i bambini dovrebbero avere molti libri in casa, soprattutto i libri divertenti che facciano tanto ridere,perché i libri devono spogliarsi dalla pesantezza e dalla serietà, un buon libro può anche essere divertente, e se fa divertire i più piccoli sicuramente sono degli ottimi libri.


Consigli per la lettura condivisa

  • Bisogna eliminare ogni fonte di distrazione (Tv o altri dispositivi tecnologici)
  • Scegliere un luogo comodo e confortevole dove mettersi vicini
  • Dedicare uno spazio creato appositamente per la lettura, salvo trasgredire per leggere ovunque.
  • Leggere in casa, ma anche fuori casa, in gita, in metro, eccetera. Tenere un libro sempre in borsa è sempre un buona abitudine.

Libri dai 6 ai 12 mesi

Proporre i libri,  cartonati con fotografie di volti che rappresentano le emozioni base, dal momento in cui i bambini riescono a stare seduti e tenere la testa dritta. Si possono proporre anche libri in rima e filastrocche (poesie o canzoni)


Libri dai 12 ai 24 mesi

I bambini cominciano ad essere sempre più autonomi ed a pronunciare sempre più parole. Bisogna proporre sempre dei libri cartonati, con poche parole per pagina, piccole storie che i bimbi vivono quotidianamente. Libri nomenclatura, piccoli dizionari, libri della buonanotte, libri di animali.


Libri dai 2 ai 3 anni

A quest’età i bambini girano bene la pagina da destra a sinistra, si trascinano in giro i libri per casa e li leggono ai loro peluche o bambole. Proporre prime storie realistiche, libri coi buchi, libri per imparare, interattivi, albi illustrati, prime fiabe, autori conosciuti (Leo Lionni, Eric Carle). Oltre il cartonato si possono cominciare a proporre libri con pagine sottili.


Libri dai 4 ai 5 anni

Sono pronti per una grande varietà di libri e temi. Ai bambini piace raccontare storie, muovere il dito sul testo emulando un adulto che legge.  Dopo la lettura si può provare a disegnare o fare un lavoretto ispirato alla storia letta. Si possono proporre storie ironiche e divertenti, libri con numeri e con l’alfabeto, belle storie di bambini, libri sull’amicizia o scuola, libri sui perché.


Libri dai 5 ai 7 anni

Proporre libri di avventure, su temi etici e morali, di fantasia, sulla natura. Proporre libri per contemplarne la bellezza delle immagini e invitare i bambini a far riflessioni e assonanze.


Dopo il corso


Nati per Leggere

da volontaria mi sento diversa, sento di aver creato un ottimo spunto comunicativo con i miei bambini, i benefici che illustra il programma li vedo in prima persona con loro.


Non ho una ricetta speciale per coinvolgere gli altri al programma, ma di una cosa sono certa se tu genitore cominci ad amare un solo libro, per riflesso i tuoi bambini ti imiteranno ed ameranno i libri.


Un consiglio spassionato, voglio dartelo...


Porta i bambini in biblioteca, sceglie dei libri e comincia un percorso a due, fatto di tante piacevoli sorprese, di un miglioramento che parte da noi genitori. La maggior parte delle lezioni più importanti le ho avute leggendo libri illustrati.


E' un viaggio introspettivo che comincia con C'era una volta..."


Non perderti il prossimo appuntamento con le volontarie "Nati per Leggere" durante la festa di Natale che si terrà a Pedara, presso la biblioteca comunale, al Palazzo Pulvirenti, in Corso Ara di Giove, 126.Ti aspettiamo per condividere un pomeriggio tra chiacchere e merenda! 

 


Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder