image-391

Catania Family Lab

info@cataniafamilylab.it

Vai a Facebook

Cercaci su Instagram

 

COLLEGAMENTI VELOCI


facebook
instagram

Il magazine delle famiglie


facebook
instagram
phone
messenger
whatsapp

Idee, news e informazioni utili

Tutto quello che c'è da sapere sul melasma: cause e rimedi

05-05-2020 17:26

catania family lab

I professionisti,

Tutto quello che c'è da sapere sul melasma: cause e rimedi

melasma-.jpg

Il melasma è un insieme di macchie marroncine che rovinano la pelle del viso.

Ne esistono di diverse tipologie e per capire meglio di cosa si tratta la dott.ssa Chiara Distefano, Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, ci spiega quante tipologie ci sono e come si possono eliminare.Esistono diverse patologie della pelle chiamate ipermelanosi cutanee caratterizzate da un aumento della pigmentazione della cute che si differenziano per cause e processi patologici differenti.Il melasma è una di queste patologie e si caratterizza per essere una malattia acquisita della pelle causata da un’eccessiva produzione e deposizione di melanina a livello della cute che causa una colorazione permanente di alcune aree del volto.Tale colorazione va dal marrone al grigio a seconda della profondità in cui si deposita il pigmento di melanina. Per definizione il melasma colpisce esclusivamente le zone esposte alla luce solare e compare di solito in modo simmetrico. Le zone più colpite sono le guance, la fronte, il labbro superiore, il naso ed il mento.

 


melasma-.png

 


Ma cosa succede alla nostra pelle quando si creano queste macchie?

In condizioni normali, la luce solare stimola i melanociti della nostra pelle a produrre melanina come meccanismo di difesa. La melanina è, infatti, un pigmento di colorito bruno prodotto dai melanociti che rende la nostra pelle più scura e le permette di proteggersi dai danni del sole formando uno schermo fisico che

melasma-2-300x156-.jpg

impedisce ai raggi solari in eccesso di attraversare la pelle e “bruciarla”.

 


Tale fenomeno di difesa è ciò che comunemente chiamiamo abbronzatura.Il sole, quindi, rappresenta il maggior responsabile del melasma: nei soggetti predisposti i raggi solari stimolano alcuni melanociti “impazziti” che rispondono in maniera anomala formando un eccesso di melanina che sotto forma di granuli si deposita a livello cutaneo determinando la comparsa dell’ ipercolorazione della pelle.È su tali cellule anomale che si deve agire a livello molecolare per combattere il melasma.Lo stimolo luminoso solare fa si che si abbia un peggioramento del melasma durante i mesi estivi ed una sua apparente remissione durante quelli invernali in cui l’intensità dei raggi solari diminuisce.È per questo motivo che il melasma sembra quasi scomparire in inverno, ma in realtà è solo dovuto al fatto che i melanociti sono meno stimolati dal sole invernale.Solo in rarissimi casi può scomparire da solo, nella maggior parte dei casi invece è solo silente, pronto a ricomparire al primo insulto solare.

Quanti tipi di melasma esistono?

È più frequente nelle donne perché associata a fattori ormonali, ma facciamo una breve descrizione dei vari tipi di melasma prima di conoscere quali sono i metodi per curarlo:
  1. melasma gravidico o Cloasma è la forma di melasma più comune. Durante la gravidanza, infatti, il più alto livello di ormoni quali il progesterone può scatenarne l’insorgenza. In questo particolare periodo è opportuno evitare l’eccessiva esposizione al sole, proteggere il viso con una crema che abbia un fattore di protezione 50+, detergere il viso con detergenti delicati, effettuare scrub delicati 2 volte alla settimana ed idratare la pelle con un buon prodotto per il viso per mantenerla morbida e liscia.
  2. melasma da contraccettivi orali è la seconda forma di melasma come insorgenza: gli ormoni contenuti in tali farmaci stimolano una maggiore produzione di melanociti e melanina facendo divenire la pelle delle zone esposte al sole più reattive alla luce. Sarebbe quindi opportuno sospendere l’assunzione della pillola anticoncezionale nei mesi estivi o qualora non fosse possibile ridurre al minimo l’esposizione solare in concomitanza alla sua assunzione e aumentare l’uso di creme solari a protezione totale.
  3. melasma da farmaci è scatenato da alcuni antibiotici e dal cortisone che sono tutte sostanze fotosensibilizzanti (che possono favorire la formazione di macchie della pelle) ovvero in grado di iperstimolare i melanociti in seguito all’esposizione solare. A tal proposito è utile leggere bene i foglietti illustrativi dei farmaci che assumiamo ed in caso indichino tra gli effetti collaterali iperpigmentazione o comparsa di macchie cutanee evitare la contemporanea esposizione al sole.
  4. melasma che compaiono in seguito all’uso di cosmetici o profumi applicati direttamente sulla pelle: in questo caso l’alcool contenuto nei profumi crea una reazione fotosensibilizzante con la luce solare facendo comparire delle macchie marroni nella zona del collo e del decolté. Consiglio sempre di non spruzzare i profumi direttamente sulla pelle ma direzionarli sempre verso i vestiti. Segue quindi il divieto assoluto di spruzzare profumi prima di andare al mare o in piscina in estate!
  5. melasma localizzato in alcune aree del viso scatenato da alcune manovre traumatiche come la ceretta o il laser per l’epilazione, in particolare la zona del baffetto, che danneggiano la nostra pelle. Con lo strappo della ceretta viene via anche uno strato superficiale di cute che diventa arrossata e dolente: questa pelle “ustionata” è più sensibile ai raggi solari e può colorarsi di scuro se non adeguatamene protetta per circa una settimana dopo le cerette e i laser.

In cosa consiste il trattamento terapeutico?

Premesso che la prevenzione costituisce lo step primario nell'approccio alla malattia attraverso l’uso di protettori solari 50+ nelle situazioni a rischio sopraelencate, bisogna evitare la contemporanea esposizione solare se si sta facendo una terapia farmacologica sia ormonale (la pillola) sia per curare una malattia (cortisone e antibiotici).Qualora, nonostante tutto, il melasma dovesse comparire lo stesso è opportuno rivolgersi ad un medico specialista nella cura delle malattie della pelle ( un dermatologo o un chirurgo plastico) che possa riconoscere se effettivamente si tratta di melasma e suggerire la terapia più adatta.Nel tempo sono stati proposti numerosi metodi per combattere il melasma ma è solo negli ultimi anni che la ricerca ha capito che solo agendo a livello molecolare sulle cellule responsabili del processo patologico è possibile controllarlo: agire sui melanociti anomali e controllarne l’attività è l’unica soluzione veramente efficace in grado di contrastare questa patologia.

peeling-chimico-300x175-300x175-.jpg

Al giorno d’oggi le tecniche più avanzate per trattare il melasma sono costituite da particolari peeling medici che contengono delle sostanze schiarenti in grado di creare un’esfoliazione al viso e rimuovere lo strato più superficiale della macchia, associati a sostanze in grado di agire a livello molecolare sui melanociti impazziti dandogli un segnale di stop nella produzione di melanina in eccesso.Questi peeling particolari, che funzionano come delle maschere, si eseguono in ambulatorio e sotto stretto controllo medico. Una volta finita l’applicazione della maschera ambulatoriale è d’obbligo continuare con una terapia domiciliare specifica a base di veri e propri dispositivi medici sotto forma di creme da applicare sul viso 1-2 volte al giorno.Queste creme contengono delle sostanze (come acido azelaico, acido retinoico, acido cogico e vitamina K) in grado di degradare i granuli di melanina in eccesso nella pelle e far sì che si abbia uno sbiancamento graduale del viso.Il protocollo terapeutico consiste nella maschera/peeling ambulatoriale in grado di arrestare l’eccesso di produzione di melanina da parte dei melanociti e nella terapia domiciliare che degrada in maniera progressiva tale eccesso di melanina.È un trattamento sicuro, poco invasivo e che rispetta la nostra pelle: si esegue in studio, è indolore ed ha la durata di un’ora. Dopo il trattamento si potrà avere un rossore al viso per un paio di giorni a cui seguirà una esfoliazione importante della pelle (segno di rigenerazione cellulare).Ad esfoliazione completata si inizierà la terapia con le creme domiciliari per un mese prima di tornare a controllo medico. Si potrà decidere, a seconda dell’effetto ottenuto se continuare semplicemente con le creme o se ripetere a tempo opportuno un’altra sessione di peeling.L’effetto è duraturo, ma occorre continuare la terapia domiciliare nel tempo e proteggersi dal sole se si vuole continuare a vedere i risultati.

Perché il laser, le luci pulsate,le creme schiarenti o altri tipi di peeling non hanno effetto o sono controindicati sul melasma? 

Perché sono tutte metodiche che non agendo sulla causa del problema (l’iperattivazione cellulare dei melanociti) non vanno a curare il melasma.I peeling non specifici non hanno alcun effetto, cosi come la luce pulsata che è stato dimostrato non avere un’efficacia specifica su questo tipo di patologia né sulla scomparsa delle macchie cutanee in generale.I laser provocano, invece, solo  un effetto momentaneo di sbiancamento in quanto manca il segnale di arresto offerto dalle sostanze contenute nei peeling e nei trattamenti domiciliari del melasma che agiscono invece a livello enzimatico sui melanociti.Ricordiamo, inoltre, che alcuni laser o peeling troppo aggressivi potrebbero addirittura peggiorare il melasma facendo “arrabbiare” ulteriormente i melanociti con ulteriore produzione di maggiori quantità di melanina in eccesso (effetto rebound).Bisogna comunque sottolineare che laser e peeling in genere rimangono terapie efficaci nel trattamento di altre patologie della pelle tra cui le singole macchie di altra natura diversa dal melasma, nel ringiovanimento della pelle e nella cura dell’iperseborrea e dell’acne: da qui l’importanza di una corretta diagnosi prima di instaurare qualunque terapia.Anche tu hai problemi di melasma? Sapevi che potevi risolvere questo problema o hai già provveduto?Raccontaci la tua esperienza!

Scritto da: 


Dott.ssa Chiara Distefano - Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed EsteticaSe sei un professionista e vuoi contribuire a far crescere questa sezione, manda il tuo articolo all’indirizzo mail: cataniafamilylab@gmail.com. Saremo felici di condividerlo con la nostra community.Se, invece, hai uno studio professionale o un'attività dedicata alle famiglie, ti piacerebbe essere segnalato nella sezione Village del nostro portale? Contattaci. 

 


Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder